USA: Infermieri del Massachusetts in prima linea nella battaglia contro il Covid-19

Con i casi del nuovo coronavirus che continuano ad aumentare e nessuna stabilizzazione in vista, gli infermieri in Massachusetts si sono trovati a combattere non solo il virus per mantenere se stessi e i loro pazienti sani e salvi. Tra l'inettitudine e l'inazione del governo e le barriere alle cure create dagli amministratori e dagli azionisti ospedalieri, gli infermieri stanno esercitando il loro potere collettivo e utilizzando le risorse del loro sindacato per assumere il controllo sui servizi di fornitura, supporto e assistenza agli operatori sanitari. Le azioni degli infermieri dimostrano chiaramente la tempestività e l'efficacia delle esigenze di controllo dei lavoratori.


Nel mezzo di una pandemia, è quasi inimmaginabile che gli amministratori ospedalieri si preoccupino più del proprio rendiconto finanziario che di implementare tutte le misure necessarie a combattere il virus, ma è esattamente quello che sta accadendo. Dalla riduzione massicia dei posti letto nelle unità di terapia intensiva nelle comunità rurali, alla inadeguata salvaguardia dei dipartimenti di salute mentale e ostetrica, gli amministratori degli ospedali hanno preso una miriade di decisioni volte a proteggere i profitti in un momento in cui le persone stanno letteralmente morendo in massa. La loro avidità mette a rischio non solo i lavoratori in prima linea, ma l'intera classe operaia.

Nonostante i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie abbiano stabilito degli standard sui dispositivi di protezione individuale (DPI) per le pandemie come queste, le amministrazioni ospedaliere non hanno adeguatamente protetto gli operatori sanitari all'inizio dell'ultimo focolaio e hanno ridotto drasticamente la sicurezza sul posto di lavoro facendo pressioni sui centri di prevenzione per allentare gli standard sulla sicurezza che erano stati stabiliti dopo la pandemia di SARS del 2003. Queste riduzioni negli standard d sicurezza hanno portato a innumerevoli esposizioni, infezioni e decessi da COVID-19 tra gli operatori sanitari che lavorano in prima linea.

Quando gli amministratori non mentono ai lavoratori e al pubblico sulla fornitura di DPI, allora stanno fuorviando i lavoratori in congedo sulla possibilità di ottenere un’assicurazione sulla disoccupazione, non fornendo una retribuzione di rischio ai lavoratori in servizio, licenziando i lavoratori che parlano della mancanza di DPI , attrezzature o servizi, e comunicando ai lavoratori che risultano positivi di non avere diritto a un indennizzo.

I lavoratori che hanno contratto il virus hanno riferito che i datori di lavoro e i rappresentanti dell'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro acquistata privatamente dai datorihanno riferito loro che non possono beneficiare dei benefici dell’assicurazione. Gli infermieri della Associazione degli Infermieri del Massachusetts (MNA) stanno combattendo la disinformazione dei datori di lavoro chiedendo che si presuma che qualsiasi operatore sanitario che risulti positivo al virus, l’abbia contratto sul posto di lavoro. Con tutta la propria forza hanno cercato di educare gli infermieri sui loro diritti, guidando gli infermieri a fare domanda per il riconoscimento dei lavoratori direttamente attraverso lo stato e introducendo una legislazione che considera ufficialmente COVID-19 come contratto sul posto di lavoro per i lavoratori essenziali.

Gli infermieri hanno riferito che i test sui lavoratori sono stati nella migliore delle ipotesi incoerenti. Non esiste un metodo predefinito per determinare come e chi viene sottoposto al test. Alcuni lavoratori riportano di essere testati solo se sono sintomatici o se hanno lavorato direttamente su un'unità con pazienti positivi a COVID-19. Mentre alcuni lavoratori ricevono i risultati dei test in meno di 15 minuti, altri devono attendere fino a 10 giorni dopo la somministrazione del test. Degli infermieri intervistate, solo il 29% erano stati testati. Il 19% dei soggetti sottoposti al test hanno dichiarato di dover avviare i propri test dopo che il proprio datore di lavoro ha creato un ostacolo al conseguimento del test. Anche quando i lavoratori sono in grado di sottoporsi al test, c'è stata una formazione insufficiente per coloro che gestiscono i test, ottenendo erroneamente molti più risultati negativi del dovuto.

È trascorso abbastanza tempo dall'inizio della pandemia per consentirci di analizzare l'efficacia delle misure utilizzate per prevenire la diffusione del virus. La ricerca mostra che la trasmissione all'interno dell'ospedale è più bassa quando ogni lavoratore ospedaliero in una struttura ha una maschera per persona per turno e getta quella maschera alla fine del turno. Inoltre, ogni paziente in ogni unità deve essere trattato come positivo per combattere efficacemente questa malattia.

Gli amministratori ospedalieri affermano di disporre di un inventario adeguato per fornire maschere di protezione a tutti coloro che si trovano in una struttura ospedaliera. Ma gli infermieri sul campo riferiscono che ciò è palesemente falso. Degli infermieri intervistati, l'84% riferiscono di utilizzare la stessa maschera per oltre una settimana. Del restante 16%, il 41% hanno riferito di utilizzare la stessa maschera per una settimana, il 23% per 4-7 giorni e il 36% per 2-4 giorni. Nessuno ha riferito di aver usato una maschera a testa per turno.

In risposta alla sfida sull’acquisizione di un numero sufficiente di maschere, il Massachusetts General Hospital, insieme ad altri ospedali della zona, sta testando una varietà di metodi per decontaminare e riutilizzare le maschere. L'uso di queste maschere sterilizzate è stato lanciato negli ospedali come studio di ricerca.

Tuttavia, in un'intervista con il Boston Globe, Judith Pare, direttrice dell'educazione e della pratica infermieristica presso il sindacato degli infermieri, ha spiegato: "Queste maschere sono sempre state progettate per essere utilizzate una sola volta. Non sono mai state progettate per essere riutilizzate, perché nel tempo i materiali di queste maschere si decompongono in modo naturale ".

Potremmo anche avere ricerche adeguate per determinare con quale frequenza un infermiere dovrebbe cambiare la maschera quando si prende cura dei pazienti COVID-19, ma non sono ancora state condotte ricerche sulla sicurezza e l'efficacia della sterilizzazione e del riutilizzo delle maschere. Gli infermieri hanno accettato di indossare le maschere decontaminate ma riferiscono di non aver dato il consenso informato in merito alla natura sperimentale del processo di decontaminazione e alla loro partecipazione ad uno studio di ricerca. Ciò è in chiara violazione del principio etico della ricerca che richiede che gli individui partecipino di propria volontà e con piena conoscenza dei rischi e dei benefici della partecipazione.

Oltre 320 operatori sanitari negli Stati Uniti sono morti nei primi 90 giorni del virus. I pazienti nel Massachusetts hanno raggiunto un picco di infezioni , con cariche virali ai massimi livelli. Ora non è il momento di testare l'efficacia delle maschere decontaminate. L'MNA ha rilasciato una dichiarazione contro i metodi di decontaminazione per maschere e respiratori N95, informando gli infermieri del loro diritto a concedere il consenso informato e il diritto al rifiuto senza ritorsioni, chiedendo che l'esperimento di decontaminazione con maschera venga interrotto in questo momento.

Tutto ciò dimostra che gli amministratori ospedalieri e gli azionisti assetati di profitto non possono essere ritenuti affidabili nel gestire e distribuire i DPI agli operatori sanitari. In risposta, gli infermieri hanno preso il controllo sull’acquisizione e la distribuzione dei DPI e stanno spingendo per la piena trasparenza dell'inventario in ogni struttura. In una dichiarazione recentemente pubblicata su Facebook, il sindacato ha annunciato:

A seguito di pericolosi ritardi nella fornitura di DPI disperatamente necessari per gli infermieri e gli operatori sanitari durante la pandemia di COVID-19 e alla mancanza di uno sforzo statale e federale adeguato per fornire le necessarie protezioni, l'MNA in collaborazione con donatori, appaltatori e organizzazioni esterne, ha acquisito con successo e sta ora distribuendo una quantità significativa di DPI e altre forniture ai suoi membri in tutto lo stato.

L’MNA ha reindirizzato i fondi normalmente utilizzati per le conferenze e ha acquistato migliaia di maschere N95 e KN95 per gli operatori ospedalieri. Gli infermieri hanno fatto appello alla classe lavoratrice più ampia e agli altri sindacati per le donazioni. Migliaia di maschere sono state donate da individui e altre migliaia sono state donate dai sindacati del settore edilizio. Finora gli infermieri hanno acquisito e distribuito trentamila maschere e undicimila scudi facciali.

Invece di distribuire i DPI direttamente agli ospedali, gli infermieri hanno fornito l'inventario direttamente ai rappresentanti sindacali all'interno di ciascuna struttura. Vale la pena notare che l'MNA non ha distribuito esclusivamente DPI agli infermieri o esclusivamente a strutture sindacali. Piuttosto, hanno distribuito DPI a tutti gli operatori sanitari sia nelle strutture sindacali come in quell non- sindacali.

I lavoratori essenziali continuano a essere costretti a lavorare in condizioni non sicure con protezioni inadeguate. I datori di lavoro hanno dimostrato inequivocabilmente che sacrificheranno letteralmente la vita dei lavoratori e metteranno a rischio il pubblico nella ricerca del profitto. La risposta dei capitalisti al COVID-19 ha creato le condizioni in cui i lavoratori non hanno altra scelta che prendere la situazione nelle proprie mani. Gli infermieri e la leadership dell'MNA hanno dato un chiaro esempio di cosa succede quando la leadership dei lavoratori si oppone alla dirigenza i lavoratori iniziano prendere il controllo sui loro luoghi di lavoro.

Al fine di sconfiggere gli amministratori e i consigli di amministrazione nel settore sanitario, l'MNA dovrebbe fare appello a tutti gli operatori sanitari per formare un fronte unito: un'Alleanza degli Operatori Sanitari. Una tale alleanza basata sulla classe di appartenenza potrebbe aiutarci a ottenere condizioni di lavoro sicure, retribuzioni migliori e altri miglioramenti necessari e dovrebbe includere una campagna per organizzare i lavoratori non organizzati nel settore sanitario.

L'IMT ha sviluppato un programma di richieste per combattere il COVID-19 e la crisi economica. Gli infermieri del Massachusetts stanno dimostrando come appaiono queste richieste in azione. Programmi, slogan e richieste possono talvolta sembrare astratti in periodi di relativa stabilità. Ma gli infermieri hanno dimostrato che queste richieste non sono tutte astratte, inverosimili o irragionevoli: sono esattamente ciò di cui abbiamo bisogno.

Join Us

Join the International Marxist Tendency and help build a revolutionary organisation to participate in the struggle for socialism worldwide!

In order to join fill in this form and we will get back to you as soon as possible.