Il governo di sinistra di Andrés Manuel López Obrador cerca di coniugare gli interessi e le aspirazioni delle masse che l’hanno portato al potere con le esigenze della borghesia. Nonostante i tentativi di placare la classe dominante, questa non si fida di AMLO e vuole rovesciare il suo governo.

La crisi del COVID-19 sta mettendo in luce i limiti delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), intrappolati tra gli interessi dell’imperialismo statunitense e cinese in competizione tra loro. Come un ombrello pieno di buchi, sono inutili proprio quando sarebbero più necessarie.
Venerdì 8 maggio, l’ONU non è stata in grado di approvare una risoluzione sulla pandemia di coronavirus. Ciò significa che, a quattro mesi dall’inizio della più grande crisi globale dalla seconda guerra mondiale, l’organizzazione il cui scopo è presumibilmente quello di favorire la cooperazione globale non ha nulla da dire o da fare al riguardo. Non è in grado di produrre un appello per il cessate il fuoco per affrontare la pandemia o di intraprendere qualsiasi altra azione. È davvero impotente nel momento in cui dovrebbe essere l’organizzazione più potente e importante sulla terra.