La caduta di Strauss Kahn

PrintE-mail

Come sono caduti in basso i potenti! Qualunque sia la verità sulle accuse di violenza sessuale e di stupro nei suoi confronti a New York, Dominique Strauss-Kahn è colpevole di crimini orribili. Come capo del FMI, è colpevole di stupro politico dei lavoratori e delle fasce più povere della società in molti paesi sottosviluppati.

È colpevole di stupro di Grecia e Portogallo. Prima di ritrovarsi in carcere, ha contribuito a relegare milioni di persone in un inferno con i suoi “rimedi” brutali, a infliggere sofferenza e disagi ai poveri, per la tutela degli interessi dei banchieri, dei capitalisti, dei ricchi.

Non c’è nulla di “socialista” in Dominique Strauss-Kahn. Al momento del suo arresto, era in viaggio per l'Europa per mettere a punto le misure di austerità da infliggere al Portogallo e per discutere i piani di Sarkozy e della Merkel volti a nuovi attacchi a pensioni e tagli alla spesa pubblica in tutta la zona dell’euro. Alla Grecia ha chiesto una politica draconiana di tagli alla spesa pubblica, tagli salariali, licenziamenti, attacchi alle pensioni e sussidi, e privatizzazioni. Il governo Papandreou ha avviato questa politica, ma non abbastanza velocemente per Strauss-Kahn che ha mandato i suoi emissari in Grecia per insistere sull'accelerazione delle privatizzazioni e degli attacchi alle condizioni di vita dei lavoratori. Questo era l'unico modo, secondo lui, per ripristinare la fiducia degli investitori capitalisti.

Dominique Strauss-Kahn non era solo il Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale. Se si può credere ai sondaggi di opinione, era anche il favorito per le elezioni presidenziali del prossimo anno in Francia. Certamente era il “favorito” della classe capitalista! Nessuno sforzo è stato risparmiato per promuovere l'immagine e costruire il sostegno a "DSK". L'intento di questa campagna era abbastanza chiaro. I capitalisti volevano assicurare la sua nomination come candidato presidenziale per il Partito Socialista. Di tutti i candidati di “sinistra”, ci dicevano i media, era nella posizione migliore per sconfiggere Sarkozy. Si trattava di un classico caso di manipolazione dell'opinione pubblica in vista delle elezioni nazionali.

Nel 2007, l'industria dei media aveva sponsorizzato Ségolène Royal, una delle figure di spicco più sfacciatamente filo-capitaliste del Partito Socialista, e poi, una volta vinta la nomination, si è rivoltata contro di lei con una campagna per garantire la vittoria di Sarkozy. Nel caso in cui il PSF avesse vinto le elezioni, i capitalisti avrebbero avuto un rappresentante affidabile al potere, con politiche quasi identiche a quelle di Sarkozy stesso.

Ora, dopo quattro anni di potere, Sarkozy è screditato e una vittoria per il Partito Socialista nelle elezioni del 2012 è una possibilità reale. La classe capitalista voleva essere sicura che qualunque fosse stato il risultato delle elezioni, il governo rimanga nelle mani di sicuri difensori dei loro interessi. Contavano su Strauss-Kahn come un uomo che, a capo di un governo “socialista”, avrebbe applicato in Francia le stesse politiche reazionarie chieste alla Grecia, e avrebbe fermamente resistito alle pressioni “dal basso” per misure a favore dei lavoratori. Ora Strauss-Kahn è fuori dai giochi, e forse per un lungo periodo di tempo. Certo, al suo posto verrà eletto un altro fedele servitore del capitale, ma. Nel frattempo, la sua caduta ha rallegrato la classe operaia in tutta la Francia.

Source: FalceMartello (Italy)
Home » Other languages » Italian