Il voto del 27-28 maggio parla così chiaro che tutte le prese di posizione successive concordano nell’identificare la sconfitta del governo come elemento centrale. Il paragone con le precedenti elezioni del 2002, provinciali e comunali, è inequivoco. In quasi tutto il nord il centrosinistra arretra, variano solo le percentuali.