Sabato 27 novembre centomila persone, nonostante il brutto tempo invernale, hanno manifestato partendo da Wood Quay verso l’Ufficio Centrale delle Poste per protestare contro le misure di austerità annunciate dal piano quadriennale. Alcuni di loro hanno addirittura manifestato all’interno di una barca sul Liffrey – la flotta operaia è arrivata! Nel frattempo il governo si riunisce a porte chiuse per discutere le misure per il salvataggio con i funzionari della Bce.

Il movimento degli studenti britannici contro i tagli all'istruzione del governo conservatore ha sperimentato un salto di qualità con le manifestazioni dello scorso 24 novembre in tutto il paese, che hanno visto la partecipazione massiccia delle scuole superiori. Per capire ciò che sta succedendo in Gran Bretagna, pubblichiamo la traduzione di un articolo apparso sul sito Socialist Appeall

Rendiamo disponibile il documento che presenteremo alla discussione e al voto in tutti i congressi territoriali della Federazione della Sinistra. Invitiamo tutti i nostri lettori e sostenitori a fare altrettanto. Il regolamento congressuale infatti ha impedito che potesse avere pari dignità e diritti a livello nazionale rispetto al documento proposto dal Consiglio politico nazionale della FdS.

Sono passati 30 anni da quel fatidico 14 ottobre 1980 quando per le vie di Torino sfilavano 5mila capi, crumiri e “amici” della Fiat, diventeranno 15mila nei Tg della sera, 30mila per la Stampa, 40 mila per la Repubblica, e come tali verranno ricordati: la marcia dei 40mila. Quel corteo a sostegno della Fiat chiudeva un’intera fase di lotte sociali nel nostro paese.

Dopo il 12 ottobre il movimento contro l'attacco alle pensioni ha raggiunto un punto critico. Le giornate di mobilitazione non sono più il centro di gravità, anche se continuano ad essere massicce e sempre più militanti, come dimostra quella del 19 ottobre. Adesso l'asse centrale della lotta si è spostato su scioperi ad oltranza e picchetti che bloccano i diversi settori dell'economia.

Nelle elezioni che si sono tenute in Brasile, Domenica 3 Ottobre, il PT (Partito dei lavoratori) ha ottenuto più seggi al Senato federale ed è cresciuto, in termini numerici, anche alla Camera dei Deputati. Tuttavia, Dilma Rousseff, (il candidato-presidente del PT) non è riuscita a vincere al primo turno. Come si spiega questo?

Gli strateghi seri dell’imperialismo statunitense comprendono che una vittoria militare in Afghanistan è da escludersi. Allo stesso tempo, Russia, India, Cina e altre potenze stanno manovrando per trarre vantaggio dalla situazione. Tutto questo è il risultato della sconfitta reazionaria della Rivoluzione Saur del 27 aprile 1978 (Saur è il secondo mese del calendario persiano, corrispondente al nostro aprile, ndt) . Adesso, in ogni caso, la memoria di quel periodo sta tornando tra i lavoratori e i giovani, che sono alla ricerca di un’alternativa sia al fondamentalismo reazionario che al regime attuale.

Viviamo nella prima decade del 21° secolo, epoca in cui lo sviluppo scientifico e tecnologico ha fatto miracoli. Possiamo mandare un uomo sulla luna e spedire satelliti ad esplorare i più remoti angoli del sistema solare ma, ancora nel 2010, milioni di uomini e donne sono ridotti a vivere in condizioni primitive al limite della barbarie. In Pakistan ciò avveniva anche prima delle recenti alluvioni ma ora milioni di poveri sono aggrappati alla vita con sempre minore forza.

Gli avvenimenti drammatici dell'Ecuador del 30 settembre scorso, quando un consistente gruppo di membri delle forze di polizia ha tentato di rovesciare il governo di sinistra guidato da Rafael Correa, sono ancora davanti agli occhi di tutti.

Il 13 settembre, una dichiarazione del sindacato cubano (CTC) pubblicato su Granma ha annunciato un’ampia serie di cambiamenti epocali per l’economia del paese. Queste misure sono il risultato della dura crisi economica che investe Cuba, colpita duramente dalla recessione del capitalismo mondiale. Ciò evidenzia la dipendenza dell’isola dal mercato mondiale e l’impossibilità di “costruire il socialismo in un paese solo”.

Il risultato delle elezioni venezuelane di domenica per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale è stato salutato dalle grida di giubilo dei media borghesi a livello internazionale. E’ presto per un giudizio definitivo sui risultati e non è confermato il sorpasso della destra sul PSUV in termini di voti assoluti. Pertanto il coro assordante di trionfo dei mezzi di comunicazione a livello mondiale è prematuro.

Upcoming Events

Revolution 2018 - a three-day festival of Marxist ideas

(Date: 19 Oct 06 pm - 21 Oct 06 pm )
Calendar: In Defence of Marxism
Malet Street, WC1E 7HY London, United Kingdom
19 Oct 6:00 pm (BST) - 21 Oct 6:00 pm (BST)
Revolution 2018 - a three-day festival of Marxist ideas
Revolution 2018 is a three-day festival of Marxist ideas, hosted by Socialist Appeal, In Defence...
Free event